Salvatore Emblema

Acquisto o vendita di opere alla corretta quotazione

Prezzi, quotazioni e battute d'asta delle opere di Salvatore Emblema

COMPRARE UN'OPERA D'ARTE O VENDERLA GENERA I SEGUENTI TIMORI

  • il prezzo sarà congruo? 
  • avrò una adeguata privacy? 
  • le certificazioni e la provenienza dell'opera sono corrette? 
  • avrò problemi con trasporti, assicurazioni e transazione finanziaria?

Deodato Arte pone al primo posto la trasparenza, in quanto non ha fretta di crescere ulteriormente, ma ha necessità di crescere grazie a te. L'azienda ha uno stretto regime di privacy e di protezione dei dati,  solamente una persona seguirà il rapporto con te.

Compila il form indicando cosa stai cercando o cosa vorresti vendere.

Se non vuoi essere ricontattato e vuoi solo il report quotazioni gratuito è sufficiente che tu scriva "solo report"

Deodato Salafia
fondatore di Deodato Arte e deodato.com

Modulo per ricevere SUBITO il report con quotazioni asta





Biografia di Salvatore Emblema

Salvatore Emblema, artista partenopeo, nasce nel 1929 a Terzigno, in provincia di Napoli, e lì trascorre gran parte della sua infanzia. Dopo aver frequentato lʻAccademia di Belle Arti di Torre del Greco si trasferisce a Roma, luogo della sua prima personale che organizza alla Galleria San Marco, curata anche dagli scrittori Carlo Levi e Ugo Moretti.
Salvatore Emblema si interessa al mondo del cinema e della moda, tanto che collabora con Federico Fellini e disegna le stoffe di Schubert. Si trasferisce negli Stati Uniti dove frequenta l’ambiente dell’Espressionismo Astratto, soprattutto Pollock e Rothko. Un incontro fondamentale per la sua crescita artistica sarà quello con il critico Giulio Carlo Argan, che gli viene presentato a New York.

Un altro grande punto di riferimento è Lucio Fontana, artista di cui condivide l’intento di superare la tela e di far diventare protagonista dell’opera lo spazio che la divide dalla parete. Di questa problematica ne discute anche con Argan chiedendosi se sia possibile fare ciò senza distruggere il dipinto.
Nel 1958 torna in Italia, si trova in condizioni economiche esigue e per questo motivo per dipingere utilizza la tela di sacco e costruisce da sé i telai. In questi anni l’Artista Emblema Salvatore elabora anche le iconiche “detessiture”.
Nel 1969 Argan gli propone la cattedra in pittura all’Accademia di Belle Arti di Roma, ma l’artista, in linea con la sua indole schiva, rifiuta l’offerta. Tra il 1972 e il 1994 l’artista è presente in numerose grandi mostre nelle maggiori città d’Italia e nel 1982 partecipa alla Biennale di Venezia.

Diverse opere di Salvatore Emblema sono acquistate da collezioni estere. È stato fondato dall’artista stesso nella sua città il Museo Emblema, creato come luogo di educazione e volto all’apprendimento dell’arte contemporanea.

Salvatore Emblema muore nel 2006.

Le Opere di Salvatore Emblema

In una prima fase l’opera di Emblema è caratterizzata dall’ispirazione per la natura che lo circonda al fine di capirne l’essenza.

Nelle sue Opere Salvatore Emblema utilizza tutti gli elementi naturali per produrre colori e atmosfere uniche.

Caratteristico di questa prima fase è la cosiddetta “fullografia” in cui le foglie secche sono utilizzate come pigmento per l’opera. Se inizialmente prevalgono ritratti o soggetti naturali, dopo il periodo americano Emblema passa a soggetti più astratti. Tornato in Italia riflette sulla possibilità di superare la bidimensionalità della tela e elabora le cosiddette “detessiture” in cui scuce il filo che compone la tela andando così oltre i vincoli spaziali del dipinto.

Salvatore Emblema : Quotazioni, Prezzi e Battute d’Asta

Le tele di Salvatore Emblema hanno raggiunto il maggior prezzo nel 2015 a New York nell’asta curata da Francesco Bonami dedicata all’arte italiana.

Qui con Fascia Rosa è stata segnato il record Quotazioni di Salvatore Emblema di 90 mila euro circa, seguito dai 72 mila battuti in Germania a Monaco di Senza Titolo.

Gli acquerelli più quotati dell’artista si aggirano invece intorno ai 1000 € arrivando fino a 2000.

 —