Umberto Boccioni

Acquisto o vendita di opere alla corretta quotazione

Prezzi, quotazioni e battute d'asta delle opere di Umberto Boccioni

COMPRARE UN'OPERA D'ARTE O VENDERLA GENERA I SEGUENTI TIMORI

  • il prezzo sarà congruo? 
  • avrò una adeguata privacy? 
  • le certificazioni e la provenienza dell'opera sono corrette? 
  • avrò problemi con trasporti, assicurazioni e transazione finanziaria?

Deodato Arte pone al primo posto la trasparenza, in quanto non ha fretta di crescere ulteriormente, ma ha necessità di crescere grazie a te. L'azienda ha uno stretto regime di privacy e di protezione dei dati,  solamente una persona seguirà il rapporto con te.

Compila il form indicando cosa stai cercando o cosa vorresti vendere.

Se non vuoi essere ricontattato e vuoi solo il report quotazioni gratuito è sufficiente che tu scriva "solo report"

Deodato Salafia
fondatore di Deodato Arte e deodato.com

Modulo per ricevere SUBITO il report con quotazioni asta







Biografia di Umberto Boccioni

Nasce a Reggio Calabria nel 1882, da genitori originari della provincia di Forlì. A causa del lavoro del padre la famiglia si sposta molto: Boccioni trascorre l’infanzia e l’adolescenza a Forlì, Genova, Padova e Catania. Qui ottiene il diploma in un istituto tecnico, collabora con alcuni giornali locali e scrive il suo primo romanzo.
Nel 1901 si trasferisce a Roma, vivendo presso la zia e si innamora di sua cugina Sandrina. Nel frattempo frequenta lo studio di un cartellonista dove apprende la pittura. Conosce Severini e assieme a lui frequenta lo studio di Balla. Nel 1903 frequenta la Scuola del Nudo, dove incontrano Mario Sirioni.
Nel 1906 si reca a Parigi e in Russia. L’anno successivo si iscrive alla scuola libera del nudo di Venezia, ma interrompe gli studi per partire alla volta della Russia e di Monaco. Una volta ritornato in Italia sente i limiti della cultura italiana che reputa troppo provinciale.
Nel 1907 si stabilisce a Milano, dove diventa amico di Romolo Romani e frequenta Previati, massimo rappresentante del divisionismo italiano.
Nel 1910 scrive assieme a Marinetti, Carrà, Russolo, Balla e Severini il Manifesto dei Pittori Futuristi e il successivo Manifesto Tecnico del Movimento Futurista.
Il futurismo si propone di rappresentare l’energia, l’aggressività e la velocità che caratterizzano i progressi tecnologici dell’inizio del secolo, come l’automobile, le locomotive e l’elettricità. Quindi, i soggetti rappresentati dai futuristi sono: le macchine e il caos urbano. Tutto ciò è messo in contrapposizione con i musei, visti come dei dormitori pubblici, perché conservano il passato, uccidendo l’azione creatrice.
Le opere di Boccioni risentono del cubismo, sebbene cerchi di esprimere il movimento. Nelle sue tele, infatti, cerca di raffigurare gli stadi successivi nel tempo di uno stesso soggetto. Anche nella scultura cerca di illustrare il movimento del soggetto nello spazio circostante usando il vetro, il ferro e il legno.
Nel 1915 si arruola assieme a un gruppo di artisti, ma si stacca dalla concezione futurista della guerra come igiene del mondo.
Nel 1916 Boccioni muore cadendo da cavallo.

 

Le Opere di Umberto Boccioni

 —