Marino Marini

Acquisto o vendita di opere alla corretta quotazione

Prezzi, quotazioni e battute d'asta delle opere di Marino Marini

COMPRARE UN'OPERA D'ARTE O VENDERLA GENERA I SEGUENTI TIMORI

  • il prezzo sarà congruo? 
  • avrò una adeguata privacy? 
  • le certificazioni e la provenienza dell'opera sono corrette? 
  • avrò problemi con trasporti, assicurazioni e transazione finanziaria?

Deodato Arte pone al primo posto la trasparenza, in quanto non ha fretta di crescere ulteriormente, ma ha necessità di crescere grazie a te. L'azienda ha uno stretto regime di privacy e di protezione dei dati,  solamente una persona seguirà il rapporto con te.

Compila il form indicando cosa stai cercando o cosa vorresti vendere.

Se non vuoi essere ricontattato e vuoi solo il report quotazioni gratuito è sufficiente che tu scriva "solo report"

Deodato Salafia
fondatore di Deodato Arte e deodato.com

Modulo per ricevere SUBITO il report con quotazioni asta







Biografia di Marino Marini

Marino Marini è stato un famoso scultore, pittore e incisore italiano.
Nasce a Pistoia nel 1901. Si iscrive all’Accademia delle Belle Arti di Firenze nel 1917, studia pittura con Chini e scultura con Trentacoste. Già a partire dal 1919 comincia i suoi viaggi: visita Parigi ed scopre le tendenze artistiche dell’epoca. In questi anni inizia a dedicarsi alla pittura e alla scultura, influenzato sia della pittura di fine ‘800 (impressionismo) sia da Piero della Francesca.
Nel 1929 si trasferisce a Milano, la città più europea d’Italia, e gli viene assegnata la cattedra di scultura a Monza. Negli anni ’30 partecipa a diverse esposizioni, assieme a De ChiricoModiglianiCarrà e Sironi, e ottiene il favore della critica. Durante i soggiorni a Parigi, conosce Picasso e Kandinskij.
Nel 1940 lascia Monza per Torino, ma l’anno dopo ritorna a Milano come professore di scultura dell’Accademia di Brera. Nel secondo dopoguerra, continua a esporre sculture, pitture e incisioni in Italia e all’estero. La famosa collezionista Peggy Guggenheim acquista un suo cavaliere e lo espone a Venezia davanti al suo museo. Muore nel 1980 a Viareggio.
Le sue opere hanno tre soggetti ricorrenti: cavalli e cavalieri, i ritratti e le Pomone. A variare sono le tecniche e i materiali, perché, secondo Marini, l’importante non è che cosa si rappresenta, ma come.
Attraverso la serie di cavallo e cavaliere Marini esprime la storia del rapporto tra natura e uomo. Infatti il cavaliere rappresenta la ragione che deve ammaestrare il cavallo, la natura, in modo da non essere disarcionato. Con le Pomone Marini celebra la fertilità, la sensualità e la pienezza della vita.
Nei ritratti, invece, Marini cerca di raffigurare l’unicità di ogni volto, adattando lo stile e il materiale al soggetto.
Le sue opere sono esposte nella Galleria d’Arte di Milano, nel Museo Marino Marini di Firenze e nella Fondazione Marino Marini di Pistoia.

 

Le Opere di Marino Marini

 —