Karel Appel

Acquisto o vendita di opere alla corretta quotazione

Prezzi, quotazioni e battute d'asta delle opere di Karel Appel

COMPRARE UN'OPERA D'ARTE O VENDERLA GENERA I SEGUENTI TIMORI

  • il prezzo sarà congruo? 
  • avrò una adeguata privacy? 
  • le certificazioni e la provenienza dell'opera sono corrette? 
  • avrò problemi con trasporti, assicurazioni e transazione finanziaria?

Deodato Arte pone al primo posto la trasparenza, in quanto non ha fretta di crescere ulteriormente, ma ha necessità di crescere grazie a te. L'azienda ha uno stretto regime di privacy e di protezione dei dati,  solamente una persona seguirà il rapporto con te.

Compila il form indicando cosa stai cercando o cosa vorresti vendere.

Se non vuoi essere ricontattato e vuoi solo il report quotazioni gratuito è sufficiente che tu scriva "solo report"

Deodato Salafia
fondatore di Deodato Arte e deodato.com

Modulo per ricevere SUBITO il report con quotazioni asta







Biografia di Karel Appel

Karel Appel nasce nel 1921 ad Amsterdam. Dal 1942 al 1944 studia all’Accademia delle Belle Arti di Amsterdam.
Dal 1947 comincia ad assemblare delle opere con pezzi di legno e oggetti in rilievo.
Nel 1948 fonda il gruppo Reflex assieme a Constant e Corneille, che poi diventa il nucleo di partenza di un altro gruppo fondato da Appel, il gruppo Cobra (acronimo di COpenhagen, BRuxelles, Amsterdam). Quest’ultimo gruppo, i cui appartenenti erano artisti del nord Europa, affonda le sue radici nel surrealismo e nell’arte popolare nordica. In particolare il gruppo Cobra rivendica il diritto al piacere edonistico del gesto creativo, libero da dogmatismi e intellettualismi. I temi privilegiati sono gli uccelli, le donne, i bambini, il sole, la luna e il bestiario mitologico. Le forme sono spesso deformate e creano figure ironiche e grottesche.
La pittura di Appel è basata sui colori primari e sul nero, che sono stesi con pennellate spesse e pastose. Sulla tela si crea un caos cromatico dal quale emergono forme antropomorfe, come teste grottesche e pupazzi.
Negli anni ’50 Appel espone in diverse città europee. Le sue opere spaziano dagli affreschi, alle stampe, pitture, sculture e scrive anche una sceneggiatura per il teatro. Negli anni ’60 le sue opere perdono l’asprezza e l’aggressività, in favore di una maggiore ricerca dello spazio. Le immagini diventano più nitide e le pennellate più morbide.
Negli anni ’80, invece, Appel torna alla pittura degli anni precedenti, con pennellate violente e aggressive.
Muore a Zurigo nel 2008.

 

Le Opere di Karel Appel

 —