Giacomo Balla

Acquisto o vendita di opere alla corretta quotazione

Prezzi, quotazioni e battute d'asta delle opere di Giacomo Balla

COMPRARE UN'OPERA D'ARTE O VENDERLA GENERA I SEGUENTI TIMORI

  • il prezzo sarà congruo? 
  • avrò una adeguata privacy? 
  • le certificazioni e la provenienza dell'opera sono corrette? 
  • avrò problemi con trasporti, assicurazioni e transazione finanziaria?

Deodato Arte pone al primo posto la trasparenza, in quanto non ha fretta di crescere ulteriormente, ma ha necessità di crescere grazie a te. L'azienda ha uno stretto regime di privacy e di protezione dei dati,  solamente una persona seguirà il rapporto con te.

Compila il form indicando cosa stai cercando o cosa vorresti vendere.

Se non vuoi essere ricontattato e vuoi solo il report quotazioni gratuito è sufficiente che tu scriva "solo report"

Deodato Salafia
fondatore di Deodato Arte e deodato.com

Modulo per ricevere SUBITO il report con quotazioni asta







Biografia di Giacomo Balla

Giacomo Balla nasce a Torino nel 1871 e già fin da adolescente mostra precocemente i segni della sua predilezione per l’arte. Dopo essersi accostato allo studio del violino cambierà, dedicandosi alla pittura e al disegno. Contemporaneamente, il padre gli trasmette la passione per la fotografia, tecnica che sarà fondamentale per la sua formazione. Così, dopo le scuole superiori, frequenta l’Accademia Albertiana.
Una volta lasciata l’Accademia, nel 1891, comincia a lavorare presso lo studio di un fotografo pittore, luogo frequentato da uomini di cultura, dall’aristocrazia e dalla borghesia torinese.
Nel 1895 si trasferisce a Roma, dove ha modo di approcciarsi alla nuova tendenza divisionista. Dopo aver trascorso circa un anno a Parigi, di ritorno a Roma, oltre a Gino Severini e Mario Sironi, conosce Umberto Boccioni, con il quale instaura un legame fondamentale che li conduce ad affrontare su due strade diverse e parallele della ricerca futurista.
Nel 1903 inizia anche ad esporre presso la Biennale di Venezia. Quando, nel 1909, Filippo Tommaso Marinetti pubblica il primo Manifesto futurista, Balla è tra gli artisti che si uniscono a tale movimento. La successiva adesione al Manifesto tecnico della pittura futurista è poi per lo stile di Balla un passo fondamentale verso nuove forme dinamiche di comunicazione. Il suo legame e la sua convinzione nei confronti degli ideali della nuova avanguardia sono tali che nelle sue opere comincia a firmarsi come “FuturBalla”.
Oltre che essere un pittore, intraprende la strada della scenografia, creando anche arredi, mobili e suppellettili. Si dedica, inoltre, alla realizzazione di articoli di abbigliamento che fossero in linea con il concetto futurista di modernità e progresso.
Il suo interesse per il colore e gli accostamenti cromatici è fortsissimo, il che lo porta a pubblicare, nel 1918, il Manifesto del colore, nel quale analizza il ruolo del colore nella pittura d’avanguardia.
Balla muore nel 1958. Messo un po’ da parte dalla critica ufficiale, dopo essersi allontanato dal suo passato futurista in seguito all’avvicinamento al fascismo, verrà rivalutato nel dopoguerra e le sue opere entreranno a fare parte dei più importanti musei d’arte contemporanea, soprattutto italiani, e delle maggiori collezioni.

 

Le Opere di Giacomo Balla

 —