130 anni fa oggi, il 7 luglio 1887, nasceva Marc Chagall.

Un artista che con le sue atmosfere oniriche e spesso romantiche ha fatto sognare gli spettatori di tutto il mondo, e che sicuramente non ha bisogno di presentazioni.

Forse, però, non tutti sanno che…

1. Il vero nome di Chagall è Moishe Segal; Chagall è la trascrizione francese del suo nome originario.

Marc Chagall, Gli Innamorati, litografia originale. Disponibile alla Galleria Deodato Arte.

Marc Chagall, Gli Innamorati, litografia originale. Disponibile alla Galleria Deodato Arte.

2. La longevità.
Chagall fu uno tra gli artisti più longevi e produttivi: visse fino a 97 anni, e dipinse per quasi 80!

3. Le illustrazioni.
All’interno delle produzioni dell’artista, compaiono diverse raccolte di illustrazioni che Chagall creò impreziosendo racconti e narrazioni; un celebre esempio sono le fiabe di La Fontaine.

Marc Chagall, La Baie des Anges, disponibile alla Galleria Deodato Arte.

Marc Chagall, La Baie des Anges, litografia originale. Disponibile alla Galleria Deodato Arte.

4. La Bibbia.
Famosissime sono anche le tavole che Chagall dedicò agli episodi biblici. L’artista considerava la Bibbia come la più importante fonte di poesia e di arte, e l’occasione di illustrarla venne dallo stesso editore delle sue illustrazioni per le fiabe di La Fontaine.

David à la Harpe

Marc Chagall, David à la Harpe, litografia originale. Disponibile alla galleria Deodato Arte.

5. Artista o commesso?
Chagall rischiò di fare il commesso per tutta la sua vita: il progetto dei suoi genitori per lui era quello di lavorare nel negozio di aringhe del padre.

6. La scoperta dell’Arte.
Chagall si avvicinò all’arte durante il periodo scolastico. Un compagno di classe, guardando i suoi disegni, gli disse “Ma tu sei dunque un vero artista?”.

Marc Chagall, Autoritratto, disponibile alla Galleria Deodato Arte.

Marc Chagall, Autoritratto, litografia originale. Disponibile alla Galleria Deodato Arte.

7. Il rifiuto dei genitori.
Rendendosi conto della sua vera passione, Marc disse ai suoi genitori che da grande non avrebbe lavorato nell’azienda di famiglia. I genitori, contrariati, non solo si opposero, ma utilizzarono molte delle sue tele per coprire i pavimenti della casa.

8. L’amore.
Il grande amore di Chagall fu Bella, soggetto ricorrente delle sue tele. I sue si conobbero a casa di Thea, all’epoca la fidanzata di Chagall. Non appena egli la vide, se ne innamorò.

“Bruscamente sento che non è con Thea che dovrei essere, ma con lei!”.

Marc Chagall, Passeggiata, olio su tela.

Bella e Marc nel celebre olio su tela “La Passeggiata“.

9. La depressione.
Quando Bella morì, per un lungo periodo, Chagall cadde in uno stato di profonda tristezza, tanto da non dipingere più per quasi un anno intero.

Marc Chagall, Couverture, litografia originale. Disponibile alla Galleria Deodato Arte.

Marc Chagall, Couverture, litografia originale. Disponibile alla Galleria Deodato Arte.

Share →