Lo sapevi che…
ANDY WARHOL affetto dal disturbo di Accumulo compulsivo?
 
Ebbene sì! Il Re della Pop Art mondiale era affetto da un disturbo cronico di accumulazione compulsiva, detta Disposofobia!
Effettivamente, il suo innato amore per gli oggetti di uso comune e la serialità che ne è derivata dalla sua arte, poteva farci intuire qualcosa. 
Pensate anche solo alla sua celebre casa di New York: cinque piani nel famosissimo palazzo di Lexington Avenue, interamente occupati da oggetti di qualsiasi genere, forma e utilità. 
I suoi collaboratori, raccontano che Warhol, a fianco della sua scrivania, tenesse una scatola di cartone, che riempiva costantemente con ogni piccolo oggetto che catturasse la sua attenzione, che raccoglieva da terra o semplicemente che trovava nelle sue tasche.
Totalmente incapace di gettarlo nell’immondizia, ha trovato un metodo alternativo, che lui stesso battezza con il nome di “TIME CAPSULES”. Andy-Warhol-Time-Capsule-2
 
 
 
 
time capsules warhol2
Oggi, queste capsule del tempo, (ben 612 !) sono vere e proprie opere d’arte, e sono tutt’ora conservate negli archivi dell’Andy Warhol Museum di Pittsburgh.
 
La mente geniale di Warhol, ha trasformato un disturbo compulsivo in vere ed uniche opere d’arte, facendo della serialità degli oggetti, il punto cardine della sua arte.
 
Leggi l’articolo completo su Deodato Arte Magazine, n°4.
 
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *